Il counselling online può essere la scelta di preferenza di alcune persone rispetto al tradizionale contesto terapeutico. La tecnologia è parte della vita moderna e, specialmente con l’esplosione del Covid-19, ho offerto supporto online impiegando supporti video. La mia esperienza professionale e personale nell’utilizzo di questo modalità è stata molto positiva; i commenti dei miei clienti hanno confermato che il counselling in remoto può essere una valida alternativa al supporto tradizionale in studio.

Il counselling online è per alcuni una preferenza personale. A volte è l’unica soluzione per persone che hanno difficoltà di spostamento. Potrebbe rappresentare un’interessante alternativa anche per persone che hanno poco tempo per via di impegni familiari o di lavoro.

Come indicato dal BACP “Una componente fondamentale del counselling è che tu ti possa sentire ascoltato e capito. Questo non cambia sia che il counselling avvenga tra due persone nella stessa stanza, oppure online o al telefono […] Molte persone trovano che il counselling online sia utile come modo alternativo di espressione personale”. Personalmente, ho deciso di non usare il telefono, emails e servizi di chat, poichè credo che il contatto visivo rimanga un elemento importante nella costruzione di una relazione terapeutica.

Nella terapia online, è essenziale che i clienti abbiamo uno spazio che garantisca la loro privacy, in cui nessuno possa sentire ciò che viene detto o in cui si sia il rischio che la sessione possa essere interrotta da terzi.

La struttura del processo terapeutico è praticamente la stessa rispetto a quanto avviene in ufficio. La prima sessione, l’incontro conoscitivo, ha in primis lo scopo di capire se si vuole affrontare un percorso insieme. In aggiunta permetterà e di esplorare l’appropriatezza della modalità online. Successivamente le sessioni vengono fissate a scadenza normalmente settimanale, e possono essere riorganizzate se necessario, previa notifica di 48 ore.

Così come per il counselling, ho potuto notare risultati soddisfacenti nell’uso dell’EMDR per trattare il trauma psicologico. Anche la mia attività di coaching ha trovato applicazioni molto positive nella sfera online.

Utilizzo piattaforme sicure che sono prive di costo per i clienti e offrono un facile accesso. Revisiono periodicamente gli strumenti online a cui mi affido per assicurare che siano sicuri e che proteggano i dati dei miei clienti. Così come per le sessioni in ufficio, anche il support online è strettamente confidenziale.